La prova provata dell’inesistenza delle scie chimiche

contrails
Siccome molti sostenitori della teoria delle scie chimiche insistono a dire che chi sostiene che queste non esistano devono fornire la prova (un po’ come fanno i teisti, i genderisti, e in genere tutti quelli che si documentano su siti di pseudogiornalismo tipo Informare X Resistere) ho deciso per una volta di assecondarli e pubblicare la prova che quelle che vediamo in cielo non sono micidiali cocktail di bario, alluminio e vibranio* ma semplicemente scie di condensa.
Ovviamente la dimostrazione analitica è decisamente complessa ed inaccessibile, ma in fondo un’immagine vale molto più di mille parole.


* Peraltro cocktail dal molteplice uso, a detta dei complottisti: controllare il clima, intossicare i raccolti, spargere virus e batteri, manipolare la mente e, per finire, salvare l’ecosistema (l’ultimo utilizzo è stato scoperto dal guru Adam Kadmon, che in materia di misteri è un mister).

Annunci